• cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
  • cucina CEDROLA
Banner
Banner

Le erbe spontanee

Le erbe spontanee commestibili

In questa sezione mi occuperò delle erbe spontanee commestibili, quelle che, per intenderci, crescono in modo spontaneo e selvatico,  normalmente sui terreni incolti.

Conosciute fin dall’antichità, hanno da sempre rappresentato la base del sostentamento degli  esseri umani occupando, ancora oggi, un importante ruolo nell’alimentazione soprattutto delle popolazioni  rurali.

I miei vogliono rappresentare degli appunti per far conoscere l’argomento e per stimolare ulteriori approfondimenti, che sono assolutamente necessari dal momento che non tutte le erbe selvatiche sono commestibili anzi, ce ne sono molte tossiche ed anche velenose per gli esseri umani e, come per chi va per funghi, bisogna essere assolutamente sicuri della bontà di ciò che si raccoglie e che successivamente si mangia.

Oltre alla possibilità di documentarsi in vari modi, secondo me il metodo più sicuro è quello di andare per campi con persone di provata esperienza e conoscenza delle erbe e, nell’incertezza, non raccoglierle.

Una regola che deve essere sempre rispettata è quella di raccogliere tali erbe in terreni non inquinati da concimi chimici o pesticidi vari che normalmente l’agricoltura non biologica usa, a volte anche in modo inappropriato.

Sono inoltre da evitare le raccolte nelle prossimità di strade carrabili e nelle zone dove c’è il sospetto di qualsiasi tipo di inquinamento, quali prati, anche se incolti, frequentati da cani o altri animali.

L’elenco delle erbe spontanee commestibili è molto lungo ma io cercherò di sintetizzarlo limitandomi a citare soprattutto le erbe che più frequentemente vengono raccolte ed usate nella mia zona geografica, il Cilento, riservandomi di incrementare di contenuti l’argomento quando, non soggetto all’ansia di far partire questo mio sito, potrò ragionare con più calma e lucidità.

Le erbe che  più sotto elenco in ordine alfabetico, sono quelle che io uso normalmente nella mia cucina e che tante soddisfazioni mi danno.

 

ASPARAGI SELVATICI    Ricchi di Sali minerali e di vitamine B e C. Diuretici e depurativi

BIETOLA SELVATICA         Ricca di ferro e vitamina A. Antianemica ed antiulcera

BORRAGINE                      Depurativa, emolliente, espettorante

CAPPERO                          Diuretico, disinfettante, epatoprotettivo

CARDO                              Stimolante e tonico

CICORIA                            Diuretica e lassativa

ERBA CIPOLLINA              Ricca di vitamina C. Antisettica e lassativa

FINOCCHIO SELVATICO   Antibatterico, antianemico, diuretico, digestivo

MALVA                             Emolliente, lassativa, rinfrescante

ORIGANO                         Proprietà analgesiche, diuretiche, antisettiche e toniche

ORTICA                             Grandi quantità di ferro, magnesio, calcio, silicio e fosforo

PIANTAGGINE                  Antibatterica e cicatrizzante

PORTULACA                     Molta vitamina C. Diuretica e rinfrescante

RUCOLA SELVATICA        Diuretica, astringente, vitaminizzante

TIMO                                Antisettico e stimolante

TARASSACO              Ricco di Calcio. Depurativo, lassativo, favorisce la circolazione.

 

Scarica l'APP per Android di cucinaCEDROLA